Jorge Pensi

Jorge Pensi

Il Jorge Pensi Design Studio apre nel 1984 nel quartiere Gotico di Barcellona e si specializza fin da subito nel design del mobile e dell’illuminazione e nella scenografia di vari tipi di eventi.

Da allora, lo studio è diventato un punto di riferimento internazionale per quanto riguarda il design contemporaneo. I suoi progetti e design, spiccatamente minimalisti ed espressivi, hanno ricevuto svariati premi e riconoscimenti. Alcune delle sue prime creazioni, come la sedia “Toledo” o la lampada “Regina”, sono considerate delle vere e proprie icone del design spagnolo.

Nel 1997, Jorge Pensi ha vinto il “Premio Nacional de Diseño” per la sua carriera professionale, conferito dal Ministero spagnolo dell’Industria e dell’Energia e dalla Fondazione BCD.

Lo studio di Jorge Pensi vanta designer di grande talento che si sono uniti al suo team, come Diego Slemenson (nel 1987), Constanze Schütz (nel 1995), e Roman Proubasta (nel 1999). Toni Casares si occupa della gestione e dell’amministrazione dello studio fin dal 1990.

Nel 2007, lo studio trasloca e si trasferisce in un nuovo ufficio vicino al mare, presso il Villaggio Olimpico di Barcellona.

Lo studio si contraddistingue per il suo particolare modo di lavorare: massima comunicazione tra i suoi membri e i suoi clienti durante tutte le fasi del progetto, dall’idea iniziale fino al prodotto finale, in un ambiente rilassato e creativo.

Se c’è una cosa che distingue le creazioni del Jorge Pensi Design Studio da tutte le altre è il loro carattere atemporale: sono alla costante ricerca di un equilibrio tra poesia e realismo, materia e spazio, astrazione ed emozione. Il loro obiettivo consiste nel risvegliare il massimo delle sensazioni con il minimo delle risorse, sfidando la logica stabilita per cercare di creare qualcosa di nuovo.

Il risultato non è sempre predeterminato. Il meglio deve ancora arrivare.


Newsletter

Viccarbe e_Magazine è una newsletter periodica che contiene notizie selezionate. Inviamo questa newsletter solo quando crediamo di avere qualcosa di interessante da condividere, con uno stile simpatico e divertente, per non disturbarti con quantità eccessive di notizie.